Gli scritti di Giovanni Novaresio

 

Giovanni Novaresio
arte fra Europa ed Africa.

Protagonista dell'avanguardia genovese
unì le culture di due continenti, astrazione e figurazione

Astratto Astratto
 
nascondi il banner

Gli scritti dell'Artista

 

Giovanni Novaresio alla scrivaniaPresentiamo due nuclei di scritti conservati nell'archivio della famiglia Novaresio. Uno riguarda gli anni che l'artista trascorse in Africa, il secondo ripercorre le vicende della mancata realizzazione di un'opera per la cappella del Nuffield College di Oxford.

I testi africani

Vivide descrizioni o articolate riflessioni ispirate dal paesaggio africano: in questi scritti (non datati,ma ascrivibili agli anni tra il 1954 ed il 1960) Novaresio non si esprime come un cronista, trascrive liberamente il flusso dei pensieri o costruisce veri e propri “quadri” multisensoriali.

Paesaggio africano

Proprio per queste qualità comunicative, questi scritti sono stati utilizzati dalla dott.ssa Simonetta Maione per alcune attività didattiche destinate ai non vedenti.

vai alla pagina

Carteggio tra Novaresio e Oxford

Il carteggio tra Novaresio e l'africanista  Margery Perham (del quale si pubblica una selezione) consente di seguire le vicende relative alla decorazione della cappella del Nuffield College di Oxford. La studiosa avrebbe desiderato dei pannelli di soggetto sacro simili a quelli realizzati per l'Università di Mogadiscio: vi furono lunghe discussioni sui costi, alcuni progetti (anche diversi da quanto previsto, come la realizzazione di una fontana per il giardino del College) e  la visita di Novaresio in Inghilterra. Pare che l'artista, il quale sembrava tenere particolarmente a questa commissione, avesse anche inviato un'opera: forse per ragioni economiche o per divergenze di opinioni nel comitato costituito per seguire i lavori della cappella, essa non fu mai collocata.


vai alla pagina

Libri e pubblicazioni

Copertina Album somalo


Nel 1947 eseguì i disegni per “Il romanzo di Rama” di Giovanna Atzori, tratto dall'avventuroso poema indiano “Ramaiana” (1947).Giovanni Novaresio collaborò a numerose pubblicazioni in qualità di illustratore.
Dieci anni più tardi iniziò il proficuo sodalizio con Camillo Bonanni: questo singolare personaggio fu attore della compagnia di Eduardo De Filippo ed autore teatrale,poi insegnante di storia dell'arte ed infine delegato dell'Unesco in Messico ed in Somalia per l'educazione di base.
Con Bonanni, Novaresio realizzò Boscaglia e Taccuino Somalo. Lo scrittore contribuì inoltre all'Album somalo: in questo volume Novaresio non fu solo illustratore, ma anche e soprattutto fotografo.

vai alla pagina